Fungo medicinale: Auricularia polytricha

Auricularia-polytricha

Fungo commestibile, con gambo cortissimo a forma di orecchio, da cui il nome; cresce su arbusti di robinie, faggi e sambuchi.

Effetti benefici:

l’Auricularia migliora la fluidità del sangue, senza causare emorragie, ha un’azione anticoagulante naturale che può ridurre il rischio di attacchi cardiaci e di trombosi.

Di conseguenza ne trova giovamento chi soffre di pressione alta e arteriosclerosi. Rafforza i vasi sanguigni e stimola la circolazione per cui è utile a chi è affetto da: claudicantio intermittens, emicrania e tinnitus.

Grazie alla riduzione dell’assorbimento di grassi e zuccheri è consigliato a chi soffre di patologie legate al loro metabolismo.

Un’altra azione degna di nota è l’umettazione delle mucose, migliorando la situazione in caso di: stipsi, cistite e affezioni dell’apparato otorinolaringoiatrico (tosse secca, faringite ecc.)

Per l’attivazione dell’enzima SOD, ha anche un’azione antiossidante.

Interazioni:

per la sua attività anticoagulante non si può assumere contemporaneamente a farmaci anticoagulanti, ma anche nel periodo di ricerca di una gravidanza perché pare che ostacoli la formazione del feto.

Nb. Se si osserva bene il fungo è molto simile ai ventricoli cardiaci e come insegna la Teoria della Signatura: una pianta con parti somiglianti ad organi umani, apparati o funzioni è utile per curare o sostenere quegli organi, apparati o funzioni.

Tutto ciò che è stato scritto non vuole sostituirsi a diagnosi e cure mediche, ma ha un intento puramente informativo e di stimolo al raggiungimento e mantenimento di una buona salute.

Se pensi che questo argomento possa essere di interesse per i tuoi amici e colleghi, condividilo su...

Lascia un commento