Il Sorgo, il cereale senza glutine ricco di Vit. B [+RICETTA]

Sorgo-piantagione-ricette-proprietà.jpg

Il sorgo è un cereale che non contiene glutine, come il mais e il riso. Nelle sue molte varietà è da sempre coltivato in Africa, dove rappresenta il primo alimento di sussistenza. Lo troviamo spontaneo in India, mentre in Medio Oriente, America ed Europa ha avuto la sua diffusione grazie agli arabi.

Conosciamo il Sorgo

Il sorgo fa parte della famiglia delle graminacee, è una pianta annuale di altezza 1-1,5 m nelle varietà da granella e oltre 2 m in quelle da foraggio, con foglie spesse e rivestite di cera. Il culmo porta una pannocchia compatta a seconda della varietà; la cariosside è arrotondata nei sorghi da granella, affusolata in quelli gentili.

Comprende una ventina di specie. Le specie di Sorghum presenti in Italia sono: il Sorghum halepense (L.) Pers. o sorgo selvatico, presente e comune in tutto il territorio nazionale ed il Sorghum vulgare (L.) (sin.:Sorghum bicolor) che è la specie coltivata soprattutto nelle zone collinari dell’Emilia-Romagna ed in Toscana.

Sorgo-bianco-semi.jpg

Il Sorgo Bianco

Composizione del Sorgo

Come negli altri cereali, la granella del sorgo è costituita essenzialmente di amido (intorno al 70%). Il tenore in proteine (10,4% di parte commestibile) è comparabile a quello del mais (9,2%) e del frumento (10,6%). Il contenuto in grassi grezzi del sorgo è del 3%, superiore a quello del grano, ma inferiore a quello del mais; 100 grammi di sorgo forniscono 329 kilocalorie contro le 358 del mais e le 348 del grano.

Il sorgo è ricco di vitamine del complesso B. Certe cultivar a endosperma giallo contengono beta-carotene pronto ad essere trasformato in vitamina A dall’organismo umano. Esso è inoltre ricco in antiossidanti, che si reputa contribuiscono a ridurre i rischi di cancro, diabete, disturbi cardiaci. Il sorgo, inoltre, non contiene elementi biotecnologici che ne facciano un organismo transgenico o geneticamente modificato

sorgo-chicchi-di-sorgo-bianco-decorticato

Il Sorgo bianco decorticato della Bio-In che potete trovare presso il Cuore Bio di Lugo

Il sorgo in alimentazione umana

Può essere consumato integrale, ma è ricco di tannini che impediscono l’assimilazione delle proteine, oppure decorticato per la preparazione di:

  • zuppe e minestre
  • bollito per preparare insalate
  • polenta (sotto forma di farina) e porridge (granella)
  • pane (fatto con farine miste, altrimenti non lievita, oppure aggiunto in granella cotta), piadine, focacce, prodotti da forno, grissini, torte, biscotti, ecc.
  • birra
  • fiocchi e granella arrostita tipo popcorn

Il sorgo ha un contenuto di grassi molto basso e un gusto neutro-delicato che permette varie preparazioni in cucina dal dolce al salato. Dopo averlo mangiato lascia un piacevole senso di sazietà e di leggerezza. Grazie ad alcune ditte specializzate, che hanno intrapreso, da diversi anni, la lavorazione del sorgo bianco, è possibile trovare il sorgo bianco decorticato come quello della ditta Bio-in e in farina da agricoltura biologica per alimentazione umana e per celiaci anche in Italia.

[RICETTA] Insalata di sorgo al profumo marino

sorgo-alimentazione-cose-ricetta-insalata-proprietà

Cosa serve:

  • sorgo bianco decorticato
  • ceci piccoli lessati
  • melanzane
  • zucchine
  • cipolla
  • alga combu o wakame
  • limoni
  • sale alle erbe
  • olio extravergine di oliva

Preparazione:

  1. Lessare per circa 25 minuti del sorgo bianco decorticato con una manciata di alghe wakame, oppure qualche pezzetto di akga kombu.
  2. A parte stufare con olio di oliva: cubetti di melanzana, zucchina e cipolla rossa e insaporire con sale alle erbe; le verdure devono restare croccanti.
  3. A fine cottura aggiungere dei ceci lessati e lasciar insaporire.
  4. A fine cottura del sorgo, togliere le alghe, immergere in acqua fredda, scolare e tagliuzzare. Condire con succo di limone e olio.
  5. Aggiungere il sorgo scolato alle verdure, aggiustare di sale e a freddo condire con succo di limone.
  6. Disporre il sorgo e le verdure nel piatto di portata, accompagnato con un’insalatina di alghe e ceci. Guarnire con fettine di limone che andranno spremute sull’insalata di alghe e ceci.

Tutto ciò che è stato scritto non vuole sostituirsi a diagnosi e cure mediche, ma ha un intento puramente informativo e di stimolo al raggiungimento e mantenimento di una buona salute.

Se pensi che questo argomento possa essere di interesse per i tuoi amici e colleghi, condividilo su...

Lascia un commento